La criticità “PCB nell’olio” è causata dalla messa in opera di pratiche improprie di gestione del trasformatore e dei liquidi solanti Questa condizione è generalmente classificata come contaminazione incrociata (in inglese “cross contamination”). Le pratiche improprie di cui sopra hanno impatto sulle diverse fasi del ciclo di vita delle apparecchiature elettriche con liquidi isolanti

Cause e fasi del ciclo di vita

Cause della criticità “PCB in olio e trasformatore” Quando può verificarsi (fasi del ciclo di vita)
Inventario delle apparecchiature contaminate incompleto, non aggiornato o implementato con metodologie non a regola d’arte Inventario
Mancata o scorretta formalizzazione dei requisiti di acquisto dell’olio nuovo (vd. IEC 60296) Requisiti ed acquisto
Inadeguato controllo qualità per i singoli lotti o singole forniture di olio Accettazione olio
Impiego di procedure analitiche non idonee alla verifica della contaminazione da PCB Accettazione olio, factory test, installazione e pre-energizzazione, esercizio, vecchiaia, post mortem
Rabbocchi, impregnazioni o riempimenti con impiego di olio e materiali contaminati da PCB Costruzione trasformatore, factory test, installazione e pre-energizzazione, esercizio, vecchiaia
Trattamenti dell’olio con impianti contaminati da PCB Factory test, installazione e pre-energizzazione, esercizio, vecchiaia
Operazioni di manutenzione con l’impiego di cisterne o fusti contaminati da PCB Factory test, installazione e pre-energizzazione, esercizio, vecchiaia
Rilascio di materiali impregnati e contaminati da PCB Factory test, installazione e pre-energizzazione, esercizio, vecchiaia, post mortem
Riciclaggio di olio e altri materiali contaminati da PCB Post mortem

Esempio reale di contaminazione

Premessa – Secondo la norma IEC 60296, il contenuto di PCB in un olio nuovo deve essere “non detectable”, analizzato  secondo la norma IEC 61619, in cui il limite di quantificazione del metodo è di 2 mg/Kg di PCB totale (inteso come somma dei congeneri presenti nel singolo campione analizzato). Lo stesso tipo di concentrazione limite viene prescritta prima dell’energizzazione (vd. IEC 60422 ed. 4 2013).

Ipotizzando di essere in presenza di un trasformatore del peso totale di 40.000 Kg, di cui 10.000 Kg di olio e 30.000 Kg delle restanti parti, nella fase di factory test o nella fase di installazione o ancora in fase di rabbocco per manutenzione, basterebbero solo 50 gr di PCB (l’equivalente di una tazzina di caffè) per avere una contaminazione di 5 mg/Kg di PCB, cioè superiore al “non detectable” prescritto dalle norme.






    Ho letto l'informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.
    Inserisci questo codice: captcha





      I read the privacy information and authorize the use of my personal data for the purposes specified therein.
      Insert this code: captcha






        J'ai lu les informations et j'autorise le traitement de mes informations personnelles aux fins indiquées.
        Entrez ce code: captcha





          He leido la informaciòn y autorizo el procesaimento de mi datos personal pera los fines allì indicados.
          Insert this code: captcha





            I read the privacy information and authorize the use of my personal data for the purposes specified therein.
            Insert this code: captcha